home / archivio news

03.10.2012 | Parcheggi.it

ROMA, ARRESTATO IL DELFINO DEI PARCHEGGIATORI ABUSIVI

Una carriera “promettente” stroncata dalla giustizia quella di un giovane nigeriano senza fissa dimora, arrestato un paio di giorni fa nella Capitale. Il ragazzo, ventiduenne, si stava infatti imponendo da tempo come re del parcheggio abusivo in piazza Santa Maria Liberatrice, nel cuore del quartiere del Testaccio; ruolo, questo, rimasto vacante dopo l’arresto del turco Aziz, con l’accusa di tentata estorsione e condannato a 16 mesi di reclusione.

L’”erede”, dunque, aveva colto la palla al balzo e, spacciandosi per parente dell’illustre predecessore turco aveva preso l’abitudine di costringere gli automobilisti che sostavano in piazza a pagare il parcheggio, minacciandoli in caso di rifiuto.

A tradirlo, finalmente, una scena un po’ troppo plateale che lo ha visto protagonista domenica scorsa. Dopo avere avvicinato una ragazza romana di 25 anni che aveva appena terminato di parcheggiare la sua auto, il malvivente l’ha avvicinata chiedendole, come di prammatica, l’obolo per la sosta. La fanciulla tuttavia non si è persa d’animo, si è ben guardata di sottostare alla richiesta e ha opposto un deciso rifiuto; cosa che ha mandato il parcheggiatore abusivo su tutte le furie, facendolo dare in escandescenze fino a diventare particolarmente minaccioso e aggressivo. La colorita scena è stata perciò notata da una pattuglia di carabinieri della Stazione Roma Aventino, che ha immediatamente bloccato l’abusivo e fatto scattare le manette. L’epilogo del “pasticciaccio” si è consumato in caserma, dove il nigeriano è stato trattenuto in attesa di un processo per direttissima, in cui dovrà rispondere all’autorità giudiziaria dell’accusa di tentata estorsione.