home / archivio news

16.10.2008 | Parcheggi.it

LA SOLIDARIETÀ VOLA DAL PARCHEGGIO CON PARK TO FLY E CANGURO FLIGHTS AID

Parcheggiare l'auto: un gesto di tutti i giorni che, nel fine settimana del 15 e del 16 novembre, potrà trasformarsi in un atto di solidarietà,. In queste date, infatti, il network di parcheggi aeroportuali Park To Fly devolverà 1 euro per ogni parcheggio all'associazione Canguro O.n.l.u.s Flights Aid, che sta sviluppando un importante e ambizioso progetto: quello di costruire il , primo aereo ospedale europeo.

Fondata da Alessandro Modia Rore, l'associazione Canguro o.n.l.u.s Flights Aid prende vita nel 1999, in concomitanza con i tragici eventi della guerra in Kosovo. Modia Rore, pilota di origine cilena, oggi laureato in Scienze Politiche ed esperto in peacekeeping ed interventi umanitari, ha l'idea di realizzare una missione finalizzata ad alleviare le pene della popolazione locale, duramente provata dal conflitto; è il primo degli interventi che, negli anni successivi, lo porteranno in altri Paesi colpiti da guerre e calamità naturali, dall'Argentina all'Uruguay, dal Kenya alla Repubblica Dominicana.

Le missioni dell'associazione Canguro o.n.l.u.s. Flights Aid, il cui nome allude alla possibilità di "saltare" da un Paese all'altro portando aiuto dove se ne ha maggiore bisogno, si concretizzano nella consegna di generi di prima necessità quali cibo, medicinali e attrezzature ospedaliere,. A queste frequenti operazioni, che vedono sempre protagonista, in prima persona, Alessandro Modia Rore, si è affiancato il progetto Air Hospital, per il quale la onlus si sta impegnando a raccogliere fondi. Questo progetto, rivolto innanzitutto a soggetti deboli quali i bambini, troppo spesso vittime di patologie – come per esempio la cecità operabile – causate da banali infezioni trascurate, nasce dalla convinzione, maturata in anni di esperienza, del fatto che l'aereo sia il mezzo più adatto a raggiungere zone remote e impervie,. Il velivolo, che verrà scelto, in base alla somma raccolta, fra i modelli ATR42, ATR72 o Fokker 50, sarà attrezzato con due sale operatorie oculistiche e una odontoiatrica: esternamente, invece, verrà allestita una tenda pneumatica in grado di accogliere 10 posti letto.

L'Associazione Canguro o.n.l.u.s Flights Aid sta portando avanti da tempo, con il supporto di un testimonial d'eccezione – il noto reporter Toni Capuozzo, – una campagna mediatica a sostegno di questo progetto, e ha ricevuto il supporto di importanti realtà quali La Fabbrica del Sorriso di Mediafriends/Mediaset e l'agenzia pubblicitaria Armando Testa. Più recente il contatto con Park To Fly, presente con otto sedi presso i principali aeroporti del Nord e del Centro Italia; venuto a conoscenza del progetto Air Hospital, il gruppo si è reso disponibile a offrire il proprio supporto tramite l'iniziativa del "parcheggio solidale", che prenderà il nome di "Parcheggiamo l'indifferenza – mandiamoli all'inferno,". "Mandaci all'inferno" è infatti il provocatorio slogan ideato dall'agenzia pubblicitaria Armando Testa per l'associazione, che fa esplicito riferimento alle situazioni di estremo disagio in cui si trovano i Paesi cui va in soccorso: slogan ripreso anche sulle t-shirt, che, nel fine settimana del 15 e 16 novembre, saranno in vendita presso tutti i parcheggi Park To Fly, per dare la possibilità ai clienti di dare un ulteriore contributo al progetto Air Hospital.

"Abbiamo scelto di collaborare a questo progetto – ha commentato Dario Catenazzi, direttore commerciale del gruppo Park To Fly – perché ci crediamo fermamente. Oltre a contribuire economicamente all'iniziativa donando all'associazione 1 euro per ogni parcheggio, desideriamo presentarla a chi ancora non la conosce, richiamando l'attenzione di chi viene a parcheggiare da noi sulle situazioni di disagio e sofferenza affrontate da questa onlus".

Soddisfatto dell'iniziativa anche Alessandro Modia Rore: "Come presidente della Canguro o.n.l.u.s Flights Aid - ha dichiarato - non posso fare altro che ringraziare Park To Fly e tutta la sua dirigenza per il sostegno e la fiducia che ci hanno accordato".