home / archivio news

14.12.2017 | Parcheggi.it

IL PARCHEGGIO SOTTO CASA È UN PROBLEMA? QUASI QUASI MI FACCIO IL BOX…

Ormai da tempo chi desidera dare un “twist” alla sua casa può farlo a condizioni interessanti: la Legge di Stabilità (oggi Legge di Bilancio) ha infatti introdotto da tempo ragguardevoli sconti fiscali, che vengono applicati a diverse tipologie di opere orientate a rendere più sicuri, confortevoli ed ecocompatibili abitazioni e uffici.

 

Anche per il 2018, come avviene ormai in modo pressoché sistematico, queste agevolazioni sono state confermate, anche se in diversi casi a condizioni meno vantaggiose rispetto allo scorso anno. Giusto per fare un paio di esempi, sarà ridotta (dal 60 al 65%) la detrazione prevista per la sostituzione di caldaie e finestre; ma il bonus scenderà anche per quel che riguarda le schermature solari, ossia le tende che vengono installate per evitare l’accumulo di calore all’interno delle case. La novità di quest’anno è invece rappresentata dal cosiddetto “bonus verde”, del quale potranno approfittare tutti i “pollici verdi” desiderosi di portare migliorie a giardini e terrazzi. Il bonus consiste infatti in uno sconto fiscale del 36% (su un limite di spesa di 5000 euro) per l’acquisto e la manutenzione di nuove piante.

 

Parlando di ristrutturazioni, innovazioni e cambiamenti destinati a rendere più confortevole e vivibile un edificio è impossibile ignorare l’argomento box: un indubbio valore aggiunto per un’abitazione, come da sempre noi di Parcheggi.it sosteniamo! Oltre a essere risolutivo per quel che concerne il problema parcheggio, diminuisce i tempi di permanenza delle auto su strada, riducendone così l’impatto ambientale. Se si considera che il box diventerà la postazione privilegiata per ricaricare le vetture a trazione elettrica, il consiglio diventa imperante: comprate un box. Quale migliore occasione del Natale alle porte per regalarselo, donando al contempo alla propria moglie l’impareggiabile piacere di rientrare a casa la sera giusto quei pochi minuti prima di voi per…soffiarvi il posto?

 

Non è un caso, in effetti, che al tema “box” è dedicata una specifica sezione della guida pubblicata lo scorso settembre dalla Agenzia delle Entrate: guida nella quale si forniscono aggiornate e dettagliate informazioni in fatto di agevolazioni fiscali legate alle ristrutturazioni edilizie.

 

Chiariamo intanto in quali situazioni si può godere della detrazione. Questa è prevista, innanzitutto, e in misura del 50% su un importo massimo di 96.000 euro, sia per la ristrutturazione, sia per la realizzazione ex novo di box auto: anche se viene svolta in economia, direttamente dal proprietario, che viene comunque alleggerito di tutte le spese sostenute e documentabili per la costruzione.

 

 

Per quel che riguarda invece il vincolo pertinenziale, se l’atto definitivo di acquisto viene stipulato dopo il versamento di eventuali acconti, questo deve essere dimostrato da un compromesso di vendita regolarmente registrato: si tratta di una condizione indispensabile per godere della detrazione!

 

Molte persone acquistano casa e box in contemporanea, con un unico atto notarile. In questo caso il vincolo di pertinenza del box con la casa è indicato nell’atto, e dunque l’acquirente dell’abitazione può, come si può del resto intuire, usufruire della detrazione sulle spese di realizzazione del box documentate.

Come regolarsi, infine, se il pagamento del box auto non è stato versato con bonifico? Niente paura: la detrazione resta fruibile, a due condizioni: nell’atto notarile devono essere riportati gli importi avuti dall’impresa che ha ceduto il box pertinenziale. Occorre infine avere da chi vende il box una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui sia attestato che le somme ricevute sono state incluse nella contabilità della sua impresa.