home / archivio news

01.05.2005 | Parcheggi.it

GENOVA. ECCO TUTTE LE CIFRE DEI PARCHEGGI A PAGAMENTO

Numeri su numeri per il nuovo Piano Parcheggi genovese.
E numeri che contano, soprattutto per le tasche dei cittadini.
Infatti, nei giorni scorsi, sono state decise e comunicate ufficialmente le tariffe per la sosta nelle aree di Foce, Tommaseo, Brignole, Carignano, Manin, Castelletto, Circonvallazione a Monte, Principe e Gramsci.

Il salasso comincerà da settembre, ma già in questi giorni l’asfalto di molti quartieri genovesi si tingerà di blu ed azzurro: i colori delle aree di sosta per i residenti e per i parcheggi a rotazione.

Le cifre sono abbastanza pesanti, come ammesso anche dalla stessa Civica Amministrazione, che però difende le nuove tariffe come uno strumento per tutelare i residenti del centro e disincentivarvi l’utilizzo dell’auto da parte dei non residenti.

Ma ecco nel dettaglio quello che presto sarà l’elenco della spesa sosta auto per molte famiglie genovesi: venticinque euro l'anno per il parcheggio della prima auto intestata ai residenti (e fino a qua forse non scatterà il mugugno), la curva dei prezzi si impenna però sui trecento Euro per il secondo veicolo e seicento per chi non risiede in Centro (ma magari ci lavora).

Per le isole azzurre invece AMI (Azienda Mobilità ed Infrastrutture) ha deciso queste tariffe: due Euro l'ora (invece dell'attuale un Euro e mezzo), ma con la possibilità di parcheggiare con venti centesimi per ogni frazione di sei minuti.
Inoltre, ci sarà la tariffa "speedy", destinata alla sosta rapida, che consentirà di lasciare il veicolo con soli venti centesimi, limitatamente a diciotto minuti non prolungabili.

Come si dice, fatta la norma trovato l’inganno, e quindi già da ora è pronta anche la soluzione per multare i trasgressori: ci penseranno gli ausiliari della sosta, istruiti per settembre con un corso ad hoc.

Chi risiede in altre parti della bella Genova non si deve sentire, a seconda dei giudizi sul Piano Parcheggi, trascurato o risparmiato: nei programmi del Comune l’ampliamento del piano ad altre zone come Castelletto, le strade più ad Ovest di Albaro e di San Martino e quelle adiacenti a Principe.