home / archivio news

05.06.2005 | Parcheggi.it

ANCONA. NUOVO PARCHEGGIO D’INTERSCAMBIO

Un vero parcheggio di interscambio apre oggi al pubblico ad Ancona: un autosilo da più di seicento posti auto, nuovo di zecca, che attende ora di ospitare anche le vetture di croceristi pronti alla partenza.

In totale la struttura è costata sei milioni di Euro ed è articolata su tre livelli: 480 posti auto coperti, 118 collocati in copertura e 44 lungo la strada che divide il parcheggio dall’asse attrezzato.
Scale ed ascensori, piazzole di sosta e percorsi agevolati consentiranno un facile utilizzo del parcheggio da parte della cittadinanza.
Particolare attenzione, inoltre, è stata posta per i disabili: i diversi livelli sono collegati con ascensori di dimensioni adeguate ed in ogni piano sono stati riservati 10 posti ai soggetti disagiati.

Grazie a delle speciali convenzioni con la Conerobus, gli utenti del parcheggio (aperto dal lunedì al sabato dalle 7 alle 21) potranno godere di tariffe pensate apposta per loro, spesso comprensive del trasporto con i mezzi Conerobus da e per la città.
Dai due Euro per la tariffa di ingresso comprensiva di viaggio andata / ritorno con il bus agli abbonamenti per i residenti, alle soste giornaliere o turistiche.

Questa sarebbe stata la notizia oggi.
Invece la nuova struttura di sosta dovrà restar ferma ancora per qualche giorno.
I cancelli del nuovo parcheggio infatti non possono per ora aprirsi alle auto a causa di un atto vandalico che, nella notte del 3 giugno, ha visto degli sconosciuti spaccare con una pesante mazza di ferro la vetrata di accesso al locale di cassa e portare via alcune strumentazioni elettroniche per l'automazione del parcheggio.
Forse chi ha agito non voleva proprio l’apertura del parcheggio, visto che, oltre a compiere il furto, ha tranciato anche alcuni cavi per rendere impossibile l'attivazione di buona parte dell'area di sosta.

Comunque il Comune non si è perso d’animo e ha deciso di inaugurare ugualmente la struttura … speriamo anche che nel frattempo rafforzi i controlli!

A. Tordo