La notizia è freschissima: la settimana scorsa, infatti, dopo qualche giorno di sperimentazione, la città  di Saluzzo ha inaugurato il pratico sistema “FastPay” per i parcometri, che consente di pagare con bancomat senza perdere tempo alla ricerca di monete e monetine.

Questa comoda applicazione che si basa sull’impiego di normali carte a banda magnetica e che fino a ieri era diffusa solo presso i pedaggi autostradali, approda in un piccolo Comune, integrata a parcometri
Parkeon.

L’introduzione della novità  è stata possibile grazie alla prontezza delle banche locali nel raccogliere l’invito loro formulato dalla ditta che si occupa della gestione dei parcheggi nella cittadina piemontese. Per essere tutte utilizzabili dal nuovo sistema, le sedici colonnine dei parcometri presenti in città  sono state messe in rete tra loro attraverso una normale scheda SIM (simile a quella dei telefonini) e da questa collegata tramite il sistema ‘grps’ alla centrale remota di controllo.

Il sistema “FastPay” che ‘ lo ricordiamo ‘ Parkeon è stata fra le prime
aziende a integrare, conformemente con la capacità  di innovazione che la
contraddistingue, presenta il grande vantaggio di funzionare senza digitare il
codice PIN associato alla carta, il che evita spiacevoli ‘fagocitazioni’ quando
lo dimentichiamo o lo digitiamo male. Inoltre, tramite un tasto blu della colonnina il cliente puಠstabilire il tempo di permanenza in sosta e tramite un tasto verde darne conferma. Il tutto viene visualizzato dal display. L’entrata in funzione del nuovo sistema “FastPay"
non comporta alcun onere aggiuntivo per il cliente, e in più restano,
ovviamente, validi gli altri sistemi di pagamento del parcheggio. Siamo certi
che anche i cittadini di piccoli centri come quelli di Saluzzo reagiranno
positivamente alla novità .
Avranno modo di privilegiare la comodità 
senza continuare imperterriti a dare fondo alle tasche.